gruppo monti

ATTENZIONE Il Gruppo Monti è pronto per affibbiarci nuove tasse!!

Sapete che cosa sta facendo il nostro ex, ex, ex, ex premier, fondatore di “Scelta Civica” Mario Monti? Ebbene dal 2014, il professore in loden, è a capo di una task-force dell’Unione Europea denominata “High-level Group on Own Resources” o più semplicemente “Gruppo Monti” che ha come obiettivo quello di trovare nuovi modi per tassare i cittadini europei! E chi meglio di lui poteva farlo?

Il gruppo Monti è una squadra composta da 10 personaggi politici, ecco i nomi:

  • Mario Monti (Italia)
  • Guy Verhofstadt (Belgio)
  • Ivailo Kalfin (Bulgaria)
  • Alain Lamassoure (Francia)
  • Daniel Daianu (Romania)
  • Clemens Fuest (Germania)
  • Ingrida Šimonyté (Lituania)
  • Kristalina Georgieva (Bulgaria)
  • Pierre Moscovici (Francia)
  • Frans Timmermans (Olanda)

Insomma una bella squadra di mastini ultra europeisti, il loro compito ufficiale è quello di mettere mano al bilancio della UE per far quadrare i conti.

In questi ultimi due anni, il Gruppo Monti ha stilato un rapporto in cui si spiega come fare per razionalizzare le risorse con cui Bruxelles si finanzia e dopo due anni di lavori, adesso sono pronti per entrare in azione. Ma perché proprio ora? Semplice! avete dimenticato la Brexit? Considerando il fatto che, quando gli inglesi se ne andranno definitivamente, alle casse della UE verranno a mancare circa 6 miliardi di Euro, secondo voi dove prenderanno questi soldi?

Ad oggi l’ottanta per cento del denaro con cui si finanzia l’Unione Eurpea, viene dai contributi degli Stati Membri, se questi contributi vengono a mancare, o servono più soldi, come fanno a finanziarsi?

La versione ufficiale è che non ci saranno nuove tasse per i contribuenti europei, voi ci credete ad una balla del genere?

gruppo monti

Il caro Mario Monti, si sa, perde il pelo ma non il vizio; dovunque lo mettano lui tassa! E’ più forte di lui, bisogna capirlo. Nel rapporto del suo gruppo si parla di una serie di nuove misure fiscali, tra le quali una tassa sull’energia elettrica e un prelievo sulla benzina, sì, proprio come aveva suggerito il ministro delle finanze tedesco Wolfgang Schäuble, una bella tassa sul carburante per coprire i costi dell’emergenza immigrazione e non è finita quì, si pensa anche a una tassa sul carbone e soprattutto a un aumento delle imposte sul valore aggiunto, immaginate che cosa vuol dire questo? Che potrebbe aumentare la quota di IVA girata dai vari stati membri a Bruxelles.

Ma il peggio deve ancora venire, non si tratta semplicemente di farci pagare altre tasse, dietro c’è un’idea di cui Monti ha già parlato a settembre al forum Ambrosetti, e cioè, siccome i singoli stati non gestiscono il loro debito pubblico come vuole Bruxelles, come soluzione si deve aumentare il budget dell’Unione Europea e conseguentemente diminuire il potere di spesa dei vari paesi.

Adottando le misure di cui sopra, a decidere le politiche economiche degli stati europei, saranno gli euro burocrati e finalmente il tanto agognato superstato europeo diventerà realtà! Prepariamoci ad aprire il portafogli e ringraziamo di tutto ciò l’amico d’Italia, il Professore Mario Monti.


Roberto Mottola

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *