L’inquinamento atmosferico, in Europa causa 7 milioni di morti all’anno! Che fare?

Nel Norditalia, nell’ultimo periodo, l’inquinamento atmosferico, ha raggiunto livelli allarmanti. I dati relativi al PM10 (un particolato estremamente dannoso per la salute) hanno superato di più del doppio, il valore massimo consentito dalla legge, che è di 50 microgrammi al m³.
inquinamento atmosferico. Cappa di smog sul norditalia

Le particelle inquinanti, immesse nell’atmosfera terrestre, possono essere generate da eventi naturali o da fattori antropici.

La natura stessa, quando si scatena, è molto spesso causa d’inquinamento; basti pensare alla quantità di gas tossici immessi nell’atmosfera a seguito di un’eruzione vulcanica.
Ma se le eruzioni o gli incendi naturali, sono da ritenersi eventi sporadici, stessa cosa non si puo dire per l’inquinamento atmosferico causato da fattori di natura entropica, cioè provocati dall’uomo.

Nell’era delle innovazioni tecnologiche e delle energie alternative, estrarre e bruciare combustibili fossili, per alimentare caldaie e motori a scoppio, distruggere intere foreste tropicali, per fare spazio a piantaggioni di palme e di cacao, bruciare rifiuti, invece di immetterli in un circuito virtuoso di riciclo, sono pratiche ormai tristemente consolidate, che stravolgono l’equilibrio naturale del pianeta e provocano danni irreparabili, alla salute e all’ambiente.

L’Organizzazione mondiale della sanità, rivela che, solo in Europa, negli ultimi 5 anni, circa 7 milioni di persone, in maggioranza bambini e anziani, hanno perso la vita a causa dell’inquinamento atmosferico.
Ma come possiamo porre rimedio a tutto questo scempio? Le città ad emissioni zero sono pura utopia o si potrebbero realizzare?

Qualcuno ha provato a dare risposta a questa domanda con un progetto denominato Masdar, la città del futuro, situata nel deserto arabo, ad appena 15 km dal centro di Abu Dhabi, capitale degli Emirati Arabi Uniti.

Sviluppata su un territorio di 640 ettari, Masdar city costerà circa 22 miliardi di dollari e dovrà essere alimentata per l’80% da energia solare prodotta da una mega centrale solare termodinamica (21 ettari di estenzione per 40.000 Megawatt di potenza) e da energia eolica.
Il progetto, partito nel 2008, doveva vedere il suo completamento entro il 2020, ora si parla di posticipare questa data al 2030, ciò a causa degli effetti provocati dalla crisi economica globale. Attualmente una piccola parte della città è gia abitata e alla fine dei lavori, la popolazione residente dovrebbe essere di 50.000 persone che, in previsione, consumeranno il 75% in meno di energia, rispetto ad una città che conta la stessa popolazione.
Questo significa che, se c’è davvero la volontà, anche se con enormi difficoltà, progetti simili non sono da ritenersi utopici.

Nel frattempo, mentre attendiamo la realizzazione delle nostre Masdar, ognuno di noi puo fare qualcosa di concreto per migliorare la qualità dell’aria che respiriamo. Piccoli accorgimenti, adottati quotidianamente, possono produrre ottimi risultati, eccone alcuni…

  • Preferire bici, mezzi pubblici e veicoli in sharing per gli spostamenti in città
  • Usare l’acqua fredda quando si utilizza la lavatrice
  • Prediligere le fonti rinnovabili per il fabbisogno di energia elettrica
  • Piantare fiori in casa e alberelli in giardino per contribuire a ripulire l’aria
  • Fare molta attenzione ai rifiuti, riducendoli al mimino e smaltendoli correttamente

Lo sapevi che:

  • I residui organici vengono utilizzati per la produzione di energia elettrica, calore e concimi
  • La plastica, a seconda della lavorazione, puo essere riciclata diverse volte
  • Il metallo puo essere riciclato all’infinito
  • Il vetro puo essere riciclato all’infinito
  • La carta puo essere riciclata fino a 6/7 volte

Quindi, diamoci da fare, tutti possono contribuire a migliorare la qualità dell’aria, basta volerlo.

Buona vita a tutti!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *