il Tg1 censura il sindaco di Roma! Chiediamo a gran voce il licenziamento di Mario Orfeo

il Tg1 censura il sindaco di Roma Virgina Raggi

A mio parere, quanto accaduto ieri, è semplicemente l’ulteriore conferma che il principale canale di informazione italiano, il TG1, è assoggettato a logiche di potere che hanno, come obiettivo, esclusivamente gli interessi beceri dei potentati economici, banche, lobbies e multinazionali, che determinano le politiche dei paesi europei, costringendoli ad adottare politiche fondate su folli criteri di austerity e privilegiando esclusivamente i loro sporchi interessi.
Tutto questo ha generato governi fantocci, con a capo burattini senza spina dorsale, che obbediscono supinamente agli ordini dettati, di volta in volta, dalla Merkel di turno.
L’Europa, intesa come un unione di stati e non come comitati di affari, banche e lobbies, era quella immaginata dai nostri padri fondatori, uomini come Alcide De Gasperi e Altiero Spinelli si rivolterebbero nella tomba, di fronte al degrado sociale in cui versano milioni di cittadini europei.
Il discorso del sindaco di Roma, la nostra Virginia Raggi, ha dato nuovamente un senso ai veri ideali europei, quelli che bisognerebbe perseguire per privilegiare i popoli invece che la finanza. Cito un passaggio, per me cruciale, del discorso pronunciato ieri da Virginia Raggi di fronte ai 27 capi di governo:
“I cittadini devono essere messi al centro del potere decisionale.
Le politiche non devono essere imposte dall’alto, ma rappresentare la volontà popolare, introducendo strumenti di democrazia diretta e partecipata.
Vanno tenute in conto le attese dei cittadini.
L’Europa o è dei cittadini o non è Europa.
Alcuni trattati, come il Regolamento di Dublino, vanno rivisti.
Un’unione soltanto economica non può durare.”
Questo breve passaggio, racchiude in se, affermazioni equiparabili a sonore sberle, o almeno percepite come tali, da alcuni dei presenti, una su tutti, la cancelliera Tedesca Anghela Merkel, che, con arroganza estrema, ha preferito allontanarsi dal gruppo, esprimendo, in tal modo, la sua totale insofferenza verso queste nobili affermazioni e dimostrando una maleducazione estrema nei confronti del primo cittadino della capitale d’Italia.

TG1 Virginia Raggi riceve Anghela Merkel
Virginia Raggi riceve Anghela Merkel

Fatti del genere, avrebbero dovuto scatenare indignazione, sopratutto nei vertici istituzionali del nostro governo, ma ciò non è accaduto. Non una parola su tali fatti, non una condanna, non un gesto di solidarietà finora pervenuto. Se a qualcuno tutto questo sta bene, solo perchè il destinatario di tali atteggiamenti, di estrema superficialità e maleducazione, si chiama Virginia Raggi e milita nella schiera del Movimento 5 Stelle, vi dico vergognatevi, non siete degni di chiamarvi Italiani con la I maiuscola e in particolar modo voglio dire Vergogna al direttore del TG1 Mario Orfeo, che ha interrotto un momento, così alto per il nostro paese, per trasmettere alcuni spot pubblicitari. Seguendo l’invito di Beppe Grillo e di altri esponenti del Movimento 5 Stelle, ho promosso l’hashtag lanciato ieri #LicenziareOrfeo, lanciando una petizione su Change, per chiedere, ai vertici di Viale Mazzini, il licenziamento del direttore del TG1 per i fatti accaduti ieri. clicca per firmare la petizione
Rinnovo la mia solidarietà a Virginia Raggi, elogiandola per il discorso di ieri, che ho provveduto a stampare su pergamena per appenderlo, in bella vista, affinchè i miei figli possano comprendere i veri valori che sono alla base dell’Unione Europea, quella che desidero gli venga consegnata dalla nostra generazione.

by Roberto Mottola @VoglioFatti